......

Pupottina's favorites book montage

Dimmi il tuo segreto
Io la troverò
Dove si annida il male
Il confine del silenzio
Tutto ciò che resta
Io so perché canta l'uccello in gabbia
Africa, mon amour
Fiore di fulmine
Amore, Parigi e un gelato al pistacchio
La ragione dei sensi
Sherlock Holmes e il Signore della notte
Addio è solo una parola
All'improvviso la scorsa estate
La stagione degli innocenti
Scia di morte. L'ultimo viaggio della Lusitania
L'imprevedibile piano della scrittrice senza nome
I piaceri della notte
Nessun ritorno
Campari a colazione
Per te qualunque cosa


Pupottina's favorite books »
L'amore è la risposta, ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande. (Woody Allen)
"Non discutere di cose di letto con tatto e discrezione. Potrei non capire di cosa parli." (L'ispettore Barnaby)

Pupottina's Followers

Ebook in offerta

Aspettando HALLOWEEN 2017

domenica 17 giugno 2012

L'artista della Morte di Alejandro Arís

A volte capitano attrazioni strane, stravaganti, come nel caso di questo libro che mi ha subito attratta non per la copertina (bella, ma con poco materiale per fantasticarci sopra), non per il titolo (l’originale è “Los cuadros del Anatomista” che effettivamente svela troppo, togliendo l’effetto sorpresa), ma per l’autore. Cosa può dirmi il nome di uno scrittore spagnolo al suo primo romanzo? Niente, ma l’elemento che mi ha colpita è la sua professione. Infatti, il barcellonese Alejandro Arís è un medico chirurgo, direttore del reparto di Cardiologia di uno degli ospedali della sua città, e proprio per questo motivo mi aspettavo molto da lui. Subito la mia mente ha immaginato varie cose, storie e situazioni narrate, particolarmente descritte in ambito medico e così è stato. Nonostante tutto ciò che ho immaginato, il medical thriller L’artista della Morte è riuscito a sorprendermi oltre la mia immaginazione e sempre positivamente.
Le mie aspettative non sono state deluse ed inoltre ho trovato più di quanto mi aspettassi. L’ambito medico è stato ottimamente sviluppato. Certo le mie conoscenze, in quel settore, sono limitate e andavo a fiducia, ma qualcosa in più mi è rimasta, oltre la componente romanzata.
Ad avermi colpita e sorpresa è stato il periodo storico, non attuale, ma nemmeno medioevale e soprattutto non inflazionato da altri romanzi. Il primo rigo del primo capitolo riporta a margine una data, il 1° marzo 1968. Decisamente un bel periodo da approfondire con tutti i fermenti politici in atto e i mutamenti dal punto di vista sociale. Lo scrittore stesso, nella nota a fine romanzo, cita il saggio da cui ha preso spunto per rendere storicamente credibile la sua opera. 
Si alternano capitoli strettamente medici con il protagonista, il dottor Kenneth Philbin, da poco reduce da un’esperienza nella guerra del Vietnam, intorno cui ruotano i suoi amici (in primis il palermitano Claudio Simone) a quelli in cui attraverso la radio e la televisione parlano i politici del periodo e palesano gli eventi in corso, compreso l’assassinio di Martin Luther King il 4 aprile del 1968 a Memphis e quello di Bobby Kennedy a Los Angeles il 6 giugno.
Gli eventi narrati arrivano fino al luglio del 1969 e si svolgono in America a Washington. È sorprendente come lo scrittore abbia mescolato insieme le varie componenti del suo thriller, fatto di anatomia, storia e tanta, tanta arte, ma anche suspense, sesso e vicende personali, fino ad ottenere un ottimo risultato. Una lettura che scorre piacevolmente sin da subito e si dipana attraverso un intreccio ordito ad arte e non privo di colpi di scena.
Se il personaggio buono è il giovane, affascinante e professionalmente preparato dottor Kenneth Philbin, a fargli da antagonista è un killer che unisce conoscenze mediche a una passione spiccatamente artistica. Scoprire il messaggio nascosto dietro ogni omicidio, richiederà sapienti ricerche che il protagonista analizzerà e svelerà, rendendoci partecipi.
Sono soddisfatta di essere arrivata alla soluzione del giallo un minuto prima di Kenneth. Forse sto diventando troppo brava o forse fa parte della tecnica dell’autore di aiutare il lettore, grazie al ragionamento, ad immedesimarsi così tanto nelle vicende narrate, da arrivare alle stesse conclusioni. Aspetto di sapere se anche per voi è stato così piacevole entrare nell’indagine contro l’artista della morte e smascherarne chi ne è l’artefice. 

Voi, l'avete letto? Che cosa ne pensate?
Vi è piaciuto? Siete appassionati di medical thriller?
Vi piacciono i romanzi ambientanti nel 1968?

4 commenti:

Francy274 ha detto...

Buon Giorno Pupottina :)
No, non il libro di cui parli. Ottima recensione la Tua, invogli a leggerlo. Non amo molto i Thriller, anche se qualcuno lo leggo, come quelli dello scrittore Glenn Cooper, che sapientemente mischia la realtà, apparentemente assurda, con la fantasia.
Grazie per il suggerimento.
Buona Domeca, un abbraccio :)

Adriano Maini ha detto...

Ma quanti romanzieri gialli a Barcellona! Quel Barrio Gotico fa miracoli di ispirazione, anche quando le storie sono ambientate in altre parti della città catalana o altrove! :))

Felinità ha detto...

Ma ne scovi di continuo ......
BUona serata domenicale Pupy miao

Andeejay ha detto...

Personalmente mi trovo in netta contraddizione con quanto da te recensito (ma il mondo è bello perché vario, no?). Ho trovato il libro molto banale, troppo schematico e disconnesso, troppo "semplice" nel suo voler essere enigmatico e soprattutto poco originale (Mi ha ricordato un po' il Codice da Vinci per la scelta delle modalità degli omicidi). Mi è parso immediatamente palese chi fosse il killer, appena è apparso, e per come si è presentato rispetto agli altri personaggi, ho trovato noiose le parti storiche in quanto per nulla legate alla storia principale; interi capitoli a descrivere la situazione politica senza che questa porti nulla alla storia principale. Prova a rileggerlo eliminando le parti storiche (io l'ho fatto), ti accorgerai di come queste siano totalmente inutili alla storia ed il libro si legga perfettamente anche senza (Alcuni accenno storici vanno bene per contestualizzare gli avvenimenti, ma secondo me ha lasciato troppa disgiunzione tra il fatto storico e la trama). Poi gli stratagemmi utilizzati dallo scrittore per depistare i sospetti dal killer...davvero troppo elementari ("...mmm e se fosse lui il killer? In effetti quel giorno non era al lavoro..." dai, davvero troppo banale). Come ovvio la parte di medicina è stata affrontata in maniera magistrale e maniacale. Alla fine in una giornata di spiaggia l'ho finito, nel complesso comunque concordo, si lascia leggere, senza infamia e senza lode, per essere il suo primo libro non è male. Grazie per lo spazio dedicatomi...ciao

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin
Compresi che l'ordine, a lungo andare, si ristabilisce da solo intorno alle cose (Raymond Radiguet)

AVVISO

E' severamente vietata la copia e la riproduzione dei contenutidi questo spazio senza esplicita autorizzazione dell'autore come disposto dalla legge 22 aprile 1941 n. 633.

Cerca su Liquida

Liquida